La Bagna Càuda  è un piatto tipico della tradizione piemontese e viene realizzato utilizzando aglio ed acciughe come ingredienti principali.

Il suo sapore è molto deciso ed essendo l’aglio l’elemento principe, non vi consiglio pertanto di assaggiarla a ridosso di un’importante incontro sentimentale 😳 !

La Bagna Càuda è una salsa calda che viene utilizzata per condire verdure cotte o crude ed è particolarmente indicata con i peperoni ed i cardi.

Si può preparare con o senza panna ma visto che è un piatto che normalmente si gusta un paio di volte l’anno, nella ricetta che segue inserirò la panna…danno per danno un centinaio di calorie in più non faranno la differenza 😉 !!

Ingredienti:

-100 g di acciughe salate

-4 spicchi d’aglio

-250 g d’olio

-50 g di burro

-1 tazza di latte

-panna a piacere.

Per cominciare sarà necessario schiacciate gli spicchi d’aglio (ti consiglio di togliere l’anima perchè il gusto è molto deciso) e metterli a bagno per un paio d’ore nel latte.

Approfitta di questo tempo per pulire bene le acciughe, dissalandole e togliendo tutte le lische.

In un tegame di coccio dovrai scaldare l’olio, e dopo aver aggiunto gli spicchi d’aglio sgocciolati e che quindi si saranno ammorbiditi, dovrai creare una crema, aiutandoti con un cucchiaio di legno.

Unisci alla crema, due cucchiai di panna e una noce di burro e porta il composto a cottura, fino a quando le acciughe si saranno sciolte e saranno omogenee con il resto della salsa.

Esistono diverse varianti per l’utilizzo, ma il più comune è quello di mettere la Bagna Càuda in un recipiente e fare in modo che ogni commensale possa intingervi la verdura precedentemente pulita.

Le verdure più utilizzate sono i cardi, le carote, i peperoni (con questi di norma si preparano anticipatamente degli stuzzichini per far sì che la polpa della verdura assorba per bene la salsa), le rape bianche e i tuberi.

Se non la conoscessi, sappi che la Bagna Càuda è davvero deliziosa ma molto pesante.

Sia il gusto che l’odore dell’aglio infatti, sono talmente persistenti da consigliarti di fare questo esperimento a cavallo del weekend. Solo chi avrà come te assaporato il piatto sarà infatti disposto a trovarsi nei tuoi paraggi per almeno un paio di giorni!!!!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *