E’ arrivato il fatidico (ed agognato) momento di fare il cambio di stagione.

Oggi vorrei suggerirti alcune astuzie per organizzare la tua biancheria da letto, dandoti qualche consiglio su come riporre al meglio i piumini leggeri e tutti i capi di biancheria per la casa che utilizzi durante il periodo estivo.
Per fare un cambio di stagione intelligente – sembra una cosa da niente ma così non è! – e nel frattempo riordinare la tua biancheria in maniera logica, dovrai munirti di santa pazienza (la prossima primavera ti assicuro che sarai felice di averlo fatto) e di alcuni sacchi di nylon!

La biancheria da letto è sicuramente ingombrante e lo spazio in casa sembra non bastare mai.

Spesso però ci ostiniamo a voler conservare anche delle vecchie lenzuola usurate e scolorite o un copriletto sfilacciato e molto pesante che lasciamo al fondo dell’armadio ma non utilizziamo da un decennio… a chi non capita?

Poi ci affezioniamo anche alle cose…al trapuntino del lettino di quando il bambino era piccolo (ed oggi è già più alto di te!) o alla parure di lenzuola della nonna (hai presente quelle lenzuola di lino impunturate spesse 3 cm???)…tanto belle, quanto pesanti e ingiallite.

Prima di cominciare è  importante capire quali delle cose presenti nei tuoi armadi desideri utilizzare e quali no. Poniti l’obiettivo di liberarti definitivamente delle cose vecchie, malgrado una normale affezione,  e preserva la biancheria più pratica e che invece vuoi continuare ad adoperare.

Il primo passo per iniziare il cambio di stagione è quello di svuotare completamente l’armadio e riporre i capi sul letto, possibilmente mantenendoli piegati.

Con straccio e detersivo (il comune sapone marsiglia andrà benissimo), togli la polvere su tutte le superfici interne ed esterne dell’armadio. Ovviamente parti dall’alto, in modo da “scovare” anche piccoli indumenti accantonati, magari in un momento di fretta, negli angoli.

Ora puoi preparare degli scatoloni e con il pennarello scrivere su ognuno di essi:

“da buttare”
“da regalare”
“in dubbio”
“da aggiustare”.

Ricordando quanto scritto sopra è  probabile che ti debba fare alcune domande e rispondere in maniera assolutamente obiettiva: da quanto tempo non uso questo lenzuolo?

Mi piace davvero o lo tengo solo per non offendere la mamma? E’ tanto rovinato oppure si può aggiustare? Posso eliminare questi terribili pallini sulla coperta di pile di mio figlio?

Se la biancheria in questione non supera questo semplice test probabilmente potremmo pensare di buttarlo, di regalarlo o se ne vale la pena di rammendarlo.

Ora potrai pensare di riordinare e senza ripensamenti lasciate uno spazio libero nell’armadio per i nuovi acquisti.

Sarà fondamentale lavare e stirare le parure di lenzuola, le federe e i copripiumini “buoni” e riporle in buste di cotone naturale. Preferibilmente inserisci all’interno delle buste dei profumatori naturali per la biancheria. Sono perfetti i saponi alla fragranza di fiori e di frutta o fiori.

Per conservare al meglio i tuoi copriletti, le coperte e tutti i capi che hai deciso di tenere, sarà fondamentale leggere bene le istruzioni per il lavaggio e se è il caso, portarle in tintoria.

Ora potrai riporli negli armadi in pratici sacchi di nylon trasparenti, in modo da poterne vedere il contenuto quando necessario, e non permettere alla polvere di annidarsi nelle trame.

Vorrei infine soffermarmi sul lavaggio e la conservazione del tuo piumino perchè, contrariamente a quanto si pensa, è possibile lavarlo in lavatrice ad una temperatura di 40°.

Se è un vero piumino d’oca, andrà riposto nella sua borsa originale (quella in cotone! Vedrai che la trovi!) per permettere alle piume di respirare.

Ti ricordo invece che il piumino sintetico, così come trapunte sintetiche o miste, possono essere tranquillamente conservate sottovuoto consentendoti di occupare un quinto dello spazio ed ottenerne altro, giusto quello che ti servirà per riporre tutta la biancheria da letto nuova che acquisterai nelle prossime giornate di shopping!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *