Le tende fanno parte dell’arredamento di ogni casa e permettono di dare un tocco di originalità alle stanze perchè sono adatte a tutti gli arredi. Tende, tendoni o tendine in tessuti di vario tipo, sono ideali per adornare ed “incorniciare” gli ambienti più svariati, personalizzare gli ambienti e far sì che la luce possa filtrare ma..

Anche se non te ne accorgi le tende accumulano polvere e a contatto con l’aria (aprendo le finestre), assorbono gli smog e le polveri. E’ quindi buona regola lavarle almeno una volta al mese, impiegando il tempo che questo comporta ma ovviamente cercando di non doverci perdere un’intera giornata.

Per fortuna le nonne ci sono venute incontro ed insegnato ad adottare diversi sistemi per non doverle stirare, come quello di riappenderle al bastone o ai ganci ancora bagnate: questo farà sì che grazie al loro stesso peso scendano verso il basso e che si “stirino in maniera naturale. Addio Ferro da stiro! 😀

Cotone e tessuti sintetici ci agevolano la vita mentre, purtroppo, tessuti come la seta ed il lino dovranno essere trattati diversamente, anche dovendo chiedere aiuto alla tintoria.

Seguendo le istruzioni riportate sulle etichette per il lavaggio sarà poi importante non dimenticare di inamidarle in modo che appaiano belle “tirate” e che abbiano un aspetto ordinato ed impeccabile.

Sono tanti i consigli per inamidarle nella maniera corretta ma, personalmente, io mi affido a quello tramandato dalla mia famiglia  😉 !

alt="tende-inamidare-vinavil"

Mia mamma, nell’ultimo ciclo del lavaggio in lavatrice, aggiunge 3 o 4 cucchiai di colla Vinavil, le stende umide e ben tese e praticamente si seccano con la colla e non c’è più bisogno di usare l’Apretto.

Il Vinavil è utilissimo per tenderle ma anche per schiarirle ed eliminare dal tessuto quel fastidioso “grigietto” che apprendono in inverno dai termosifoni o in cucina dai gas.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *