Caffettiera quanto ti amiamo! Chi avrebbe mai detto che il Sig. Alfonso Bialetti avrebbe inventato un utensile tanto adorato in tutto il mondo?

Il rito del caffè è una di quelle coccole quotidiane a cui proprio non si può rinunciare.

Ebbene sì…parliamo si caffettiere! Caffettiere colorate, decorate, studiate per soddisfare qualunque esigenza, perché bere il caffè sia un piacere tutti i giorni.

Bialetti oltre ad essere il cognome della persona che ha inventato la caffettiera è diventata l’azienda che per eccellenza produce ogni anno un enorme quantitativo di caffettiere. 

Vengono esportate in tutto il mondo perché garantiscono la soddisfazione della clientela più variegata!

Caffettiere da 2, 4, 6, 8 o 12 tazze adatte per famiglie più o meno numerose o per pranzi con gli amici, caffettiere colorate, in tinta con la tua cucina o con i vari complementi d’arredo, caffettiere in materiali differenti e con una facilità di lavaggio per un uso quotidiano.

La gamma è davvero entusiasmante e i prezzi possono soddisfare tutte le tasche; in commercio esistono caffettiere di semplice design ma che mantengono la qualità di produzione inalterata o caffettiere di design ricercato e studiato proprio per le persone più esigenti, insomma: la caffettiera su misura per ciascuno di noi!

Peccato, però, che spesso ci si dimentichi spesso della manutenzione di uno degli strumenti più utilizzati in cucina. Tante sono le scuole di pensiero, se così si possono definire, ma quanto e come si deve pulire la moka

Le correnti sulla manutenzione della caffettiera sono almeno due.

La prima prevede il semplice risciacquo dell’apparecchio di tanto in tanto, perché la pulizia della moka deteriorerebbe il sapore unico del caffè.

La seconda, invece, sostiene che la caffettiera debba essere sempre mantenuta linda, così come qualsiasi altro strumento da cucina, soprattutto dalle incrostazioni. Di seguito ti darò qualche consiglio.

Pulizia esterna

Per la pulizia esterna della caffettiera non sono necessarie troppe attenzioni ed è sufficiente il lavaggio con una spugna morbida che non ne righi la superficie. Un ottimo detersivo casalingo può essere creato con del semplice aceto di vino bianco.  

Basta riempire il lavello con una tazza d’acqua ben calda 3 tre cucchiai di aceto, immergerla con tutti i pezzi smontati, per poi strofinarla  su tutta la superficie. Per l’estremità inferiore, quella più incline ad annerirsi per via del contatto diretto con la fiamma del fornello, si può ricorrere all’aceto puro: tornerà rapidamente splendente.

Pulizia interna: filtro e guarnizione

Filtro e guarnizione sono due delle parti della caffettiera che richiedono attenzione costante : più sono sporchi, e quindi intasati, peggiore sarà la qualità del nostro caffè.

Partendo proprio dal filtro, ci si deve armare innanzitutto di olio di gomito: le centinaia di fessure che ne compongono la superficie si riempiono spesso di residui.

La pulizia avviene in due passaggi: innanzitutto, si immerga la parte in un contenitore di acqua bollente con disciolto un bicchiere di aceto. Bisogna lasciare riposare per circa 30 minuti, affinché le aree più incrostate si ammorbidiscano.

Dopodiché, è necessario sciacquare il filtro sotto l’acqua corrente ponendolo il posizione orizzontale rispetto al flusso affinché i fori vengano liberati.

L’ultimo passaggio prevede di mettere sul fuoco la caffettiera ma ponendo nel serbatoio una soluzione di acqua, aceto e sale che aiuterà la moka a sgorgare tutte le parti eventualmente intasate.

Passando alla guarnizione in gomma, è opportuno montare un ricambio nuovo almeno ogni due o tre mesi perchè la gomma si brucia e si consuma molto velocemente. 

Pulizia di mantenimento

Perchè il caffè sia sempre ottimo, è buona abitudine lavare la moka regolarmente perché lo sporco si nasconde anche in aree non immediatamente visibili, come l’erogatore interno. 

Ora che abbiamo terminato di lavorare, prendiamo insieme un caffè?


La Tata

la Tata

Non esistono cose giuste o sbagliate ma cose che funzionano e cose che non funzionano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *