Lanterne come complementi d’arredo: in casa, sul terrazzo o in giardino.

Le lanterne ricercate o lineari, sono accessori adatti ad ambienti interni ed esterni, come ad esempio i terrazzi.

Ne esistono infatti in legno e in metallo adatte per resistere agli agenti atmosferici.

Lanterne bianche, colorate, lanterne decorate o in materiali pregiati, personalmente le adoro!

Non avendo un giardino, ma la grossa fortuna di vivere al nono piano ed avere un terrazzo, ho così deciso di acquistarne di diversi tipi per arredarlo; contando tra l’altro un risparmio energetico non indifferente.

Creano un’atmosfera davvero unica soprattutto in estate senza contare che gli oli essenziali sono anche un ottimo rimedio contro le zanzare.

Gli oli essenziali al geranio, all’eucalipto o alla menta sono incredibili perchè le tengono lontane e rilasciano una fragranza davvero particolare.

Ne ho trovate di molto belle in un mercatino di artigianato in Provenza, ma tornata a casa ne ho viste di deliziose su alcuni siti on line che vendono anche biancheria per la casa.

Le lanterne in corda intrecciata che al momento non utilizzo con gli oli essenziali ma solo per avere un’ illuminazione soft in alcuni ambienti che per ora ho deciso di lasciare sobri.

Sfruttando il colore emanato dalle candele possono infatti assumere tonalità diverse e creando ombre molto suggestive, volendo anche romantiche.

Nei prossimi giorni ne acquisterò senza dubbio alcune colorate e magari rosse per addobbare la casa sotto le festività natalizie e vorrei giocare sull’effetto contrasto della lanterna bianca accostata a quelle rosse.

=alt "lanterne-rosse-natale"

Un’idea per illuminare piccoli ambienti come ad esempio un antibagno, può essere quella di trasformare una lanterna ad olio in un lampadario.

Un consiglio per rimuovere i residui di cera dai bicchierini.

Per pulire la superficie dalla cera è consigliato seguire una semplice procedura ma sarebbe importante farla spesso per evitare un accumulo eccessivo di materiale.

Usando un asciugacapelli dovrai scaldare a bassa potenza la superficie e successivamente grattarla con un tesserino di plastica flessibile, come il tesserino raccogli punti del supermercato.

A questo punto dovrai nuovamente riscaldare la superficie per qualche secondo con il phon per poi lucidare il bicchierino portacandela con un panno morbido.
Il gioco è fatto 😎 !


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *