Finalmente estate! L’aspettiamo per tutto l’anno, la stagione più amata e vissuta e quella in cui ci  permette di trascorrere giornate all’aperto godendo delle tante ore di luce e sole. In questo periodo si moltiplicano le uscite a cena ma anche i pranzi con gli amici magari su terrazze fronte mare, ed è proprio in queste occasioni che oltre al cibo si consuma anche del buon vino rosso, bevanda che accompagna quasi sempre pietanze di carne e che, ufficialmente ha un effetto positivo sul cervello in quanto migliora i processi cognitivi e il flusso sanguigno. Inoltre il vino rosso è un alleato contro lo stress: è accertato che  libera le endorfine nel nostro organismo soprattutto se consumato alla fine di una lunga giornata di lavoro. Il vino rosso è anche un pericoloso nemico del bucato, molto spesso è protagonista di macchie indelebili su tovaglie pregiate e questo può rovinare una cena organizzata nei minimi dettagli. Noi di Tata Living vogliamo suggerivi come eliminare le macchie di vino rosso in modo da ottenere risultati soddisfacenti che possano riportare la biancheria da casa al suo stato originale.

E’ possibile rimuovere le macchie di vino rosso secche utilizzando prodotti solo naturali che sono alla portata di tutti e che solitamente si trovano in casa. Premesso che esistono in commercio detergenti appositi per rimuovere le più ostili macchie di vino, suggeriamo di optare prima con dei prodotti naturali onde evitare un trattamento troppo aggressivo a tovaglie e varie. L’ utilizzo di sapone di Marsiglia, succo di limone e sale fino apporta risultati sorprendenti: tre ingredienti facili da reperire in grado di smacchiare e ridare lustro alla biancheria. Come fare? Mescolate il succo di limone con il sale, otterrete un composto che andrà posizionato sulla macchia, attendere qualche ora che la miscela si secchi e rimuoverla con il sapone di Marsiglia. Ripetere l’operazione fino a quando la macchia non sarà stata rimossa definitivamente. Grazie a questo piccolo suggerimento potrete godervi le vostre cene senza più preoccuparvi delle …macchie!

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *